In custu “post” podeis agatai totu is cumentus chi s’Acadèmia at lassau in su giassu de “Sardegna Democratica” e is arrespustas chi ndi at tentu de su giassu etotu e de Elsa Giacobbe. No boleus aciungi àtera cosa a su chi eus giai nau, donniunu giudichit cunforma a is ideas suas.
Su post insoru est custu.

 

Acadèmia de su Sardu onluns
23/06/2011 17:22
Forsis s’interessat unu parri diversu de custu, bessiu unas cantus diis a oi, mandau a s’assessori Milia e a situs e giornalis etc. (finsas a Sardegna Democratica): https://academiadesusardu.files.wordpress.com/2011/06/comunicau-piano-triennale.pdf
Gràtzias. A si biri

Elsa Giacobbe
23/06/2011 22:46
In quanto a voi, cari Oreste, Ivo e Perdu, dell’Academia onlus, mi fate pena. Non vi rendete conto che vi stanno usando per fermare tutto il processo di valorizzazione della lingua? Lo fanno da anni e vi lasciano le briciole. come a dei bravi canes de isterzu. Fate solo la figura delle guide cheyennes che guidano le giacche azzurre nei territori dakota. Quando Milia, Lorinczi e Maninchedda avranno finito con quelli della lingua, non vi saluteranno neppure più. Sarete degli appestati per gli uni e per gli altri. Dei traditori, insomma. E di fatto lo siete, per poco prezzo. Siete veramente disposti a far crollare tutto, anche sulla vostra testa, pur di vedere i dakota (gli unici in grado di fare una politica seria contro le giacche azzurre) morti? Maninchedda vi ha dato spazio perchè i suoi compari sassaresi non vogliono usare il sardo e gli uffici regionali gli hanno detto no esponendosi a qualsiasi ritorsione. Compresa la pubblicazione delle vostre bugie. Non vi vergognate neppure un po’ quando state per prender sonno la sera?

Acadèmia de su Sardu onlus
25/06/2011 16:26
S’Acadèmia de su sardu onlus pensat de ai arriciu ofesa manna de is fueddus de Elsa Giacobbe, o de chini ddoi siat cuau apalas de custu nomìngiu, e duncas est abetendi is scusas de issa po custa farta chi noxit a sa màgini nosta e de is assotziaus nostus chi issa at circau in su cumentu suu (23/06/2011 22:46).
Si-ndi parit finsas spantu chi unu situ chi si narat “Sardegna Democratica” potzat permiti ofesas diaici a assòtzius de òminis lìberus chi no ant circau ni ofèndiu a nemus e prus pagu puru a Elsa Giacobbe.
Chi no eus a arriciri is scusas de Elsa Giacobbe e de su situ, seus averiguendi chi ddoi apant is conditzionis po un’atzioni de lei po defensai s’onorabilidadi nosta innoi e aundi totu si potzat presentai custu abisòngiu.

Redazione
25/06/2011 17:40
@ Academia de su Sardu Sardegna Democratica non censura i post che arrivano al sito. La pubblicazione dei post e degli interventi a proposito della lingua sarda e non solo è la prova che questo sito è plurale e democratico nella sostanza e non a parole. Agli amici dell’Academia tutto lo spazio per argomentare. Cordialità, Redazione

Acadèmia de su sardu onlus
26/06/2011 14:42
Su cuntzetu nostu de democràtzia est diversu meda de su de bosàterus. Po nosu is ofesas nci intrant pagu cun sa libertadi e sa democratzia. Ita iat a nai “Sardegna Democratica” chi in d-unu logu pùbricu calincunu s’iat a atriviri a nai ca faint pena, ca funt canis de strexu, faulàncius e traitoris? ca andat totu beni ca cussa est sa democratzia?
Unu contu funt is argumentus e unu contu funt is ofesas. Is argumentus nostus funt in su comunicau chi eus pubricau in su blog nostu e postu innoi puru, anca no eus ofèndiu a nemus ma postu chistionis. Àteru contu est su cumentu de Elsa Giacobbe chi no argumentat nudda ma ofendit sceti.
Chi custu est su parri de bosàterus, bosi lassaus a sa democratzia de bosàterus e de is cumpàngius chi si seis sceberaus, e custa e àteras arrexonadas de imoi ainnantis ddas eus a fai in àteru logu cun àtera genti.

Advertisements