Novas


lingua-de-lati

5 x 1000 CAMP LOG FB BLOG

Amiga stimada, amigu stimau,

ocannu puru fait, ponendi su còdixi camerali

92165530921 e sa firma tua, a donai su 5 x 1000 a s’Acadèmia de su Sardu onlus.

S’Acadèmia de su Sardu onlus est faendi faina de su 2009 in totu su chi pertocat su

stùdiu, sa circa, sa defensa, su spainamentu e s’apretziamentu de sa Lìngua sarda,

imperendi po su prus sa faina personali, boluntària e a gratis de is sòtzius suus.

Gràtzias po totu su chi as a podi fai!

Su Presidenti

Oresti Pili

Amiga istimada, amigu istimadu,

finsas ocannu faghet, ponende su còdighe camerale

92165530921 e sa firma tua, a donare su 5 x 1000 a s’Acadèmia de su Sardu onlus.

S’Acadèmia de su Sardu onlus est faghende faina dae su 2009 in totu su chi pertocat

s’istùdiu, sa chirca, sa defensa, s’illaizamentu e s’apretziamentu de sa Limba sarda,

impreende pro su prus sa faina personale, boluntària e in donu de sos sòtzios suos.

Gràssias pro totu su chi as a poder fagher.

Su Presidente

Oreste Pili

A agiudai s’Acadèmia bolit nai a agiudai sa Lingua Sarda!!!

A azuare s’Acadèmia cheret narrer a azuare sa Limba Sarda!!!

IMG_8560

Oi 26 de su mesi de cabudanni, a comenti e dònnia annu, s’Acadèmia arregordat custa dii che a dii de is lìnguas.

Oe 26 de Cabidanni, comente onzi annu, s’Acadèmia amentat custa die comente sa die de sas limbas.

locandina02

Sàbudu 29 de su mesi de donniasantu a is 10:00 de a mangianu in s’aposentu de sa Fondatzioni Banco di Sardegna at a essi presentau su lìburu La Strega dei Bottoni/Sa Mainàrgia de is Butonis, tradùsiu in sardu de Oresti Pili. Sa Mainàrgia de is Butonis est un’àteru lìburu scritu in sa norma campidanesa de is Arrègulas, chi amostat ca cussa norma est sèmpiri prus imperada

Locandina Mainàrgia

Locandina

Publicaus un’àrticulu de Massimu Pittau su Professori pigau de su blog de Rosebud:

“Tutte le volte che incontro l’amico Diego Corraine provo un senso di malinconia e pure di mortificazione: perché corro con la memoria agli anni Settanta, quando fondammo la «Sotziedade pro sa Limba Sarda», io presidente e lui segretario, e in questa veste organizzammo incontri e manifestazioni in tutta la Sardegna per la salvaguardia e il recupero della lingua sarda. Dopo però ci separammo e la Sotziedade scomparve, quando lui credette di proporre per la Sardegna una “lingua unificata”, creata a tavolino e scritta alla maniera della lingua spagnola, mentre io non ci credetti per nulla. Sta però di fatto che il suo tentativo fallì per due volte per l’ostilità dei Sardi, soprattutto dei Campidanesi – che sono i parlanti più numerosi – quando si accorsero che avrebbero dovuto adoperare una “lingua unificata”, che era una forma di logudorese annacquato. E da allora abbiamo continuato ad assistere alla dissardizzazione linguistica dei Sardi, effettuato in forma massiccia dalla scuola, dai mass media, dalle canzonette, dallo sport, ecc.

E malinconia unita a mortificazione mi è venuta quando qualche giorno fa Diego ha pubblicato un articolo, del quale condivido quasi tutte le considerazioni: che la lingua costituisce il fattore primo e principale di ogni etnia; che la Regione Sarda non si è impegnata al fine di applicare e far applicare realmente una legge regionale e una statale, che pure sono state promulgate, in difesa del sardo e delle altre lingue di minoranza; che una politica in difesa della lingua sarda, mandata avanti con chiarezza e con impegno avrebbe anche le sue ricadute positive di carattere occupazionale a favore dei giovani sardi, ecc.

Eppure, come ho detto e scritto altre volte, ci sarebbe un mezzo del tutto facile e molto efficare, il quale, adottato, consentirebbe non soltanto la salvaguardia della lingua sarda, ma pure il suo recupero nella scuola, nell’amministrazione, nella politica e nella cultura. Si tratterebbe di fare entrare nello Statuto della Regione Autonoma Sarda, un solo nuovo articolo, in perfetta analogia con quanto avviene per gli Statuti delle Regioni Autonome Valdostana e Altoatesina: nella Val d’Aosta e in Alto Adige nessuno può entrare e operare nella scuola e negli uffici pubblici se non conosce la lingua francese e quella tedesca rispettivamente. Ebbene, se noi Sardi vogliamo salvaguardare veramente la nostra lingua sarda, la nostra cultura e la nostra etnia, dovremmo chiedere e pretendere l’inserimento nello Statuto Regionale Sardo di questo nuovo unico articolo, con tre commi: «In Sardegna nessuno può insegnare e operare nelle scuole se non conosce e adopera la lingua sarda. A) Ogni insegnante ha l’obbligo di conoscere in maniera passiva e attiva una delle varietà dialettali della lingua sarda e conoscere in maniera passiva almeno un’altra varietà. B) Nell’elenco e nella scelta delle varietà dialettali da adoperare nelle scuole sono da includere, con uguali diritti e uguale dignità, anche quelle di ulteriore minoranza, cioè alloglotte: gallurese, sassarese, algherese e tabarchina. C) L’uso della lingua sarda e/o delle varietà alloglotte, unitamente a quello della lingua italiana, deve avere anche un carattere strumentale, cioè deve valere anche nell’insegnamento di tutte le altre discipline scolastiche».

A questo punto prevedo un’obiezione: quale sarebbe la lingua sarda da adoperare nelle scuole? Per me la risposta è del tutto facile e semplice: la lingua sarda ha due varietà fondamentali, il logudorese e il campidanese, entrambe ormai formalizzate, entrambe intercomprensibili per tutti i Sardi, la prima adoperata nel Capo di Sopra, la seconda nel Capo di Sotto, entrambe ormai in possesso di un notevole patrimonio di letteratura in poesia e in prosa. A questo proposito si deve pur sapere che ormai abbiamo sia nella varietà logudorese sia in quella campidanese, componimenti poetici di elevato valore letterario, spesso molto superiore a quello della poesiola “T’amo o pio bove” o alla lunga tiritera di “Davanti San Guido”.

Però io escludo con decisione che come lingua sarda sia considerata quella che è stata inventata e denominata la “limba comuna”: secondo me – che sono il linguista che ha scritto più di tutti sulla lingua sarda – questa non è altro che un “grosso pasticcio messo su da grandi pasticcioni”, che la Regione ha avuto la sventatezza di adottare ufficialmente, mentre, esclusi gli inventori, nessun altro Sardo la adopera e nessun altro Sardo la vuole.

Un’ultima considerazione, ma non la meno importante: nell’insegnamento e nell’uso del sardo nelle scuole si dovrebbero distinguere bene due momenti, l’”orale” e lo “scritto”: ebbene rispetto all’orale nelle scuole si dovrebbe insegnare e adoperare il “suddialetto locale”, anche quello del più piccolo villaggio dell’Isola: a Cagliari si dovrebbe insegnare su casteddaju, a Villaputzu su sarrabbesu, a Lanusei su lanuseinu, a Nùoro su nugoresu, a Ollolai su ollollaesu, a Ozieri su ottieresu e via dicendo. Con questo procedimento si otterrebbe il grande risultato di coinvolgere nell’operazione della salvaguardia e del recupero della lingua sarda anche la generazione dei vecchi, i quali sarebbero assai contenti di poter insegnare ai loro nipotini il suddialetto del loro sito natale. Invece nel momento dello scritto gli insegnanti dovrebbero richiedere dagli alunni l’uso del logudorese comune nel Capo di Sopra e del campidanese comune nel Capo di Sotto. Nelle zone alloglotte, Carloforte, Alghero, Sassari, Castelsardo, Gallura si dovrebbero ovviamente insegnare le rispettive parlate.”

Artìculu pigau de: http://rinabrundu.com/2014/10/23/autonomia-speciale-e-lingua-sarda/

Est bessiu LA STREGA DEI BOTTONISA MAINÀRGIA DE IS BUTONIS, unu contu scritu de Roberto Pili e Regina Obino, e tradùsiu in sardu – campidanesu de Oresti Pili.

Su contu torrat a sa Sardìnnia de su tempus de is nuraxis e contat sa stòria de su pipiu Ardi e de sa bidda sua, Nurairi.

LA STREGA DEI BOTTONISA MAINÀRGIA DE IS BUTONIS, chi is Autoris portant bidea de ddu presentai me is scolas e me is comunus, est su de noi lìburus bessius cun su siddu de s’Acadèmia e un’àteru de is medas lìburus – no fait prus a ddus contai – chi medas Autoris ant bòfiu scriri segundu is Arrègulas de su Campidanesu.

SA MAINARGIA DE IS BUTONIS 001

Next Page »