Polìtica linguìstica democràtica in Còssiga:

primipassiinlinguacorsa-m

Pigau de su giassu de Casteddu Onilne:

Lingua sarda, storico sì del governo: sarà tutelata in ogni variante

Approvate le norme di attuazione dello statuto speciale sardo

Autore: Redazione Casteddu Online il 04/08/2015 20:07

La lingua sarda sarà tutelata in tutte le sue varianti, in maniera strutturale e autonoma dal governo nazionale. Questo il risultato dell’approvazione delle Norme di attuazione dello Statuto speciale della Regione Sardegna per il trasferimento delle funzioni in materia di tutela della lingua e della cultura delle minoranze linguistiche storiche nella Regione, nella seduta odierna del Consiglio Regionale.

“Oggi è un giorno felice – ha dichiarato l’assessore della Cultura Claudia Firino nel suo intervento in Consiglio a seguito dell’approvazione – perché è stato raggiunto un risultato ricercato e perseguito da tanti anni”.

“Ci sono due modi di occuparsi della salvaguardia della propria lingua e della propria cultura – ha detto l’assessore  – il primo è il modo “spot”, che porta all’approvazione di progetti slegati fra loro che un anno ci sono e l’anno dopo non più. Il secondo è la tutela strutturale basata su condizioni normative adeguate a renderla costante e non effimera. Ed è questo il metodo che oggi trova compimento, con conseguenze importanti che potremo vedere non solo nei prossimi mesi ma anche nei prossimi anni.”

“Per la prima volta – ha proseguito Firino –  la Regione può disciplinare autonomamente i progetti di tutela della lingua e della cultura sarda, senza sottostare alle indicazioni del governo nazionale, ma gestendo in autonomia la propria politica linguistica. Lo fa in alcuni ambiti prioritari, per esempio la scuola: possiamo attuare una vera politica linguistica nei confronti delle nuove generazioni,  e noi abbiamo già iniziato finanziando in modo ingente, come mai era stato fatto finora, i progetti per la lingua sarda nelle scuole. E parlo di lingua sarda, nelle sue varianti riconosciute.”

“L’attenzione e l’impegno da parte della giunta regionale ci sono sempre stati  – ha concluso la titolare della Cultura – e si dimostreranno anche attraverso le rivendicazioni sui provvedimenti nazionali di cui molto si è parlato in questi giorni. Dopo la bocciatura dell’emendamento Uras, io e il presidente Pigliaru abbiamo denunciato  una situazione di discriminazione nei confronti della Sardegna che esige un intervento forte da parte nostra, in modo che tutte le lingue minoritarie italiane riconosciute dalla legge 482 e dalla carta europea delle lingue minoritarie (che auspichiamo il governo approvi a breve) siano trattate alla pari”.

Pigau de: http://www.castedduonline.it/sardegna/campidano/26055/lingua-sarda-storico-si-del-governo-sara-tutelata-in-ogni-variante.html#sthash.beYg2CAd.dpuf

locandina02

doc. locandina

Giòbia 18 de làmpadas in Biddaxidru, a is 19 ande sa Domu Giuseppe Dessì, in bia Roma 65, sa domu imprentadora Domus de Janas at a presentai su lìburu de Salvator Angelo Spano “SIDAS”.

Ant a chistionai Paolo Pillonca, Oreste Pili e Giovanni Spano (s’incuradori de s’òpera). At a moderai Manuela Ennas.

Su coru “Piccole voci” de Biddaxidru at a cantai cantzonis de su connotu.

Cincu-chimbe x 1000 Academia

Ocannu puru fait a donai su 5 x 1000 a is assòtzius ONLUS, che a s’Acadèmia de su Sardu, chi de su 2009 est faendi faina de bolontariau in totu su chi pertocat su stùdiu, sa circa, sa defensa, su spainamentu e s’apretziamentu de sa Lìngua sarda, imperendi po su prus sa faina personali, boluntària e a gratis de is sòtzius suus. ITA EST SU 5×1000?
Est unu neotzu sìmbili a su de s’otu po milli, ma no dd’arremprassat e NO EST UNA PAGAMENTA IN PRUS CHI FAIS! Si no sceberas a chini ddu donai, su 5×1000 si-dd’at a incungiai su Stadu! A COMENTI SI FAIT?
Po is chi faint s’Unico o su 730:
Aìnturu de su mòlliu de sa visura de sienda in artu a manu manca, agoa de aundi ddoi est scritu Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale e delle associazioni e fondazioni riconosciute che operano nei settori di cui all’art. 10, c. 1, lett a), del D.Lgs. n. 460 del 1997 poni sa firma tua e su còdixi camerali de s’Acadèmia, chi est 92165530921. Est de importu mannu a argiolai! Nara-ddu a amigus e parentis! Totus, a manera discansosa, podint donai su 5×1000 a s’Acadèmia de su Sardu Onlus, chi aici at a cumbati tambeni mellus po sa lìngua nosta. In su blog de s’Acadèmia https://academiadesusardu.wordpress.com/ e in sa pàgini facebook Acadèmia de su Sardu onlus agatas totu su traballu fatu dii po dii de s’Acadèmia. ——————————————————————————————————————————————————— Anche quest’anno è possibile devolvere il 5 x 1000 alle associazioni onlus, come l’Acadèmia, la quale dal 2009 svolge attività di volontariato nel campo dello studio e della ricerca sulla Lingua sarda, la sua difesa, promozione e valorizzazione, avvalendosi in modo determinante e prevalente delle prestazioni personali, volontarie e gratuite dei propri aderenti. Cosa è il 5 x 1000? E’ una donazione simile all’otto per mille, ma non la sostituisce e NON E’ UNA SPESA IN PIU’! Se non scegliamo a chi devolvere il 5 x 1000, esso verrà incamerato dallo Stato! Come si dona? Per coloro che si avvalgono del modello Unico o del 730: Sul modulo della dichiarazione dei redditi in alto a sinistra, dopo la scritta Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale e delle associazioni e fondazioni riconosciute che operano nei settori di cui all’art. 10, c. 1, lett a), del D.Lgs. n. 460 del 1997 apponi la tua firma e il codice fiscale dell’Acadèmia, che è 92165530921. Per coloro che si avvalgono del CUD: Sul modulo è prevista una pagina apposita per devolvere il 5 x 1000. In alto a sinistra, dopo la scritta Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale e delle associazioni e fondazioni riconosciute che operano nei settori di cui all’art. 10, c. 1, lett a), del D.Lgs. n. 460 del 1997 apponi la tua firma e il codice fiscale dell’Acadèmia, che è 92165530921. Questa pagina va inviata dentro busta chiusa alla banca, o all’ufficio postale, o al proprio commercialista, o al CAF o ad altri soggetti autorizzati a ricevere la dichiarazione. All’esterno della busta bisogna scrivere, chiaramente: SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL CINQUE PER MILLE DELL’IRPEF, il tuo codice fiscale, e il tuo nome e cognome. E’ molto importante fare il passa-parola! Dillo ad amici e parenti! Tutti in maniera molto semplice, possono devolvere il5x1000 all’Acadèmia de su Sardu Onlus, che così potrà combattere ancora meglio per la nostra lingua. Nel blog dell’Acadèmia http://www.academiadesusardu.wordpress.org e nella pagina facebook Acadèmia de su Sardu onlus trovi tutto sul lavoro svolto giorno per giorno dall’Acadèmia.

Martis 24 de su mesi de martzu a is 8 de a merii in su Caesar’s Hotel, bia Darwin 2 at a essi presentada “ La Strega dei Bottoni” “ Sa Mainàrgia de is Butonis ”, scrita de Robertu Pili e Regina Obino. Sa tradusidura de su lìburu est fata de Oresti Pili, presidenti de s’Acadèmia de su Sardu onlus.

Sa Mainàrgia de is Butonis est scrita in sa norma campidanesa de is “Arrègulas”.

uid_14a3b42b803.640.0

Sàbudu 29 de su mesi de donniasantu a is 10:00 de a mangianu in s’aposentu de sa Fondatzioni Banco di Sardegna at a essi presentau su lìburu La Strega dei Bottoni/Sa Mainàrgia de is Butonis, tradùsiu in sardu de Oresti Pili. Sa Mainàrgia de is Butonis est un’àteru lìburu scritu in sa norma campidanesa de is Arrègulas, chi amostat ca cussa norma est sèmpiri prus imperada

Locandina Mainàrgia

Locandina