de: http://www.fondazionesardinia.eu/ita/?p=17378

Su ‘e 28 de abrili de su 2020 est sa Festa de su Populu  Sardu: ita fèus? Is bandèlas ispràghias in is ventanas e in is zassus de is social, s’iscritura de istima po sa patria e po is fradis sardus.

Proponiamo a tutti i Sardi di aprire i propri siti (fb-instagram-social media), nella giornata del 28 aprile, con l’immagine della bandiera sarda, accompagnandola con un proprio pensiero scritto in limba e/o trascrivendo nella versione del proprio paese il messaggio che il Comitato mette a disposizione nella versione italiana, logudorese, campidanese per diffondere il significato della Festa. Lo trovate qui all’interno …

Cari Amici,

siamo a dieci giorni da ‘sa Die de sa Sardigna’.

La bandiera celebra la Festa del Popolo Sardo. Riproponiamo il messaggio del Comitato e/o esprimiamo un nostro pensiero nella lingua della nostra comunità, campidanese e logudorese e  pure algherese, carlofortina, bainzina, gallurese … via via, in tutte le  possibili e immaginabili. Per sa Die de sa Sardigna del 2020 ciascuno parla la lingua che conosce, purché lo faccia con la mente ed il cuore di sardo. Oggi e sempre!

______________

NOTA BENEIl Comitato vorrebbe raccogliere tutti i vostri messaggi, riunirli e pubblicarli. Nel mentre li pubblicate, inviateli anche all’indirizzo mail: fondazionesardinia@tiscali.it . Grazie!

_____________

IL MESSAGGIO DEL COMITATO PER SA DIE DE SA SARDIGNA

(IN ITALIANO)

PRO SA DIE DE SA SARDIGNA 2020

I Sardi celebrano oggi la propria festa, sa Die de sa Sardigna. La ripropongono in condizioni del tutto straordinarie, ma lo fanno con convinzione, con impegno e persino con gioia.

Eppure l’Isola è ‘chiusa’ da quasi due mesi, anche da noi i deceduti sono decine, i malati centinaia, le restrizioni continuano a permanere ed il futuro si addensa di preoccupazioni.

Viviamo la quarantena del mondo limitati nelle nostre case e trascorriamo in termini del tutto nuovi i tempi feriali come pure quelli che dal passato ci giungono quali tempi di celebrazione: la Pasqua (12 aprile); la festa della Liberazione dal nazifascismo (25 aprile); siamo alla vigilia a Cagliari della processione in onore di Sant’Efisio (1° maggio) che seguirà le restrizioni del tempo.

Ma insistiamo a voler celebrare la Festa del Popolo Sardo (28 aprile). Le feste sono il messaggio che il passato ci rimanda nel presente, stimolano la gioia che offre forza per il futuro, allietano la fatica quotidiana del lavoro. Una società non può vivere senza la festa che identifica per ciascun popolo la coralità e il proprio destino storico.

Il 28 aprile 1794 i rappresentanti locali del governo di Torino furono rinchiusi in attesa di imbarco dal popolo cagliaritano in armi per rivendicare il proprio valore nel respingere i Francesi e soprattutto per riconsiderare l’insieme del rapporto tra i Sardi, le loro istituzioni ed il governo piemontese. Non bastava più una tardiva risposta alla rivendicazione delle cinque domande, era il sistema feudale che andava abolito. ‘Procurad‘e moderare, barones, sa tirannia …’ è l’attacco e il ritornello dell’inno nazionale sardo che si ricollega a questo radioso giorno di rivolta e di vittoria.

La Sardegna moderna nasce nel tempo della richiesta di libertà, di eguaglianza e di fraternità da parte dei popoli europei. Come altri, il Popolo sardo si è dovuto difendere contro le armate conquistatrici francesi, ma prima di altri ha iniziato la propria liberazione dall’ancien règime. Un triennio (1794-1796) forma il nucleo intenso della ‘sarda rivoluzione’, inizio e cuore di un movimento che distese i propri effetti e provò le dolorose conseguenze per quasi un ventennio che vide altre rivolte, nuove repressioni, lunghe prigionie, inenarrabili crudeltà e impiccagioni. La reazione, come in Europa, ancora per un periodo prevalse; da noi restò duratura, più efficace e foriera di danni.

Anche in Sardegna l’inizio della modernità ebbe i suoi eroi e pagò il prezzo dei propri martiri.

Facciamo memoria di quei fatti nel tempo di libere istituzioni e di democrazia repubblicana.

Siamo fermamene convinti che ancora oggi c’è bisogno di istituzioni più rappresentative dell’identità dei Sardi in quanto protagonisti della propria storia, portatori di una propria cultura e lingua singolari e convinti titolari di diritti sovrani sulla propria terra come gli altri popoli lo sono della loro. Il tema della libertà, dell’eguaglianza e della fraternità non è risolto una volta per sempre.

I Sardi di oggi credono che la loro identità nazionale postuli ulteriori spazi istituzionali, idonei a consentire di rispondere in maniera più rappresentativa, efficace ed adeguata agli attuali problemi epocali.

Siamo convinti che uscire positivamente dalla presente pandemia richiederà risorse straordinarie in termini sia materiali che spirituali (cioè culturali, politici e sociali). E che non siano sufficienti le pur necessarie risorse economiche dei tempi normali.

I Sardi di oggi sono i nipoti della sofferenza creatrice dei combattenti ritornati dalla prima guerra mondiale e sono i figli degli artefici della prima autonomia regionale.

Alla pandemia si sommano i gravi problemi derivanti dal remoto e recente passato: decisioni drastiche e non rinviabili devono imporre i cambiamenti necessari e l’enormità inaudita delle problematiche necessita di decisori politici individuali e collettivi intelligenti e lungimiranti.

Quando la fine della pandemia lo consentirà, dovremmo ritrovarci e riconoscerci tutti in un’assemblea costituente democraticamente eletta e rappresentativa di tutti i territori della Sardegna. Tale strumento sarebbe utile per rinnovare le nostre istituzioni, ricostruire un’economia secondo le vere risorse della nostra terra, valorizzare quel patrimonio di lingua-economia-cultura, che esiste e resiste nonostante tutto e tutti, nelle campagne e nei paesi non meno che nelle nostre moderne città.

Cando si tenet su bentu est precisu bentulare!

Il Comitato per ‘Sa Die de sa Sardigna

(LOGUDORESE)

PRO SA DIE DE SA SARDIGNA 2020

Sos Sardos festant oe sa festa issoro, sa Die de sa Sardigna. Issos la torrant a proponnere occannu in cunditziones chi non sunt normales, epperò lu faghent meda cumbintos, cun impinnu, e finzas cun cuntentesa.

Eppuru s’Italia est ‘inserrada’ dae duos meses oramai, inoghe puru sos mortos si contant a deghinas, sos malaidos a chentinazzas, sas astrinturas sighint a bi essere e pro su tempus benidore creschent sos pensamentos.

Nois Sardos semus vivindhe sa barantena de su mundhu serrados in domo e sas dies de fittianu noche las passamos in maneras noas de su tottu, finzas cussas dies de càstigu chi nos benint dae sos tempos passados e dae sa traditzione che a dies sinnaladas de ammentu: Pasca (12 de abrile); sa festa de s’Illibberassione dae su nazi-fascismu (25 de abrile); in Casteddhu semus a su itzadorzu de sa parzessone in onore de Sant’Efis (1a die de maggiu) e issa puru at a vivere sos limites de custos tempos.

Su 28 de abrile 1794: sos impiegados in Sardigna de su Guvernu de Turinu,  su Populu casteddhazzu in armas che los ant inserrados, in s’isettu de che los faghere imbarcare, po affirmare su balentìa de sos Sardos in sa gherra fatta pro che respinghere sos Franzesos e subra totus pro ponnere torra in su piattu su sentìdu e sos disizzos issoro in meritu a sos derettos chi lis ispettaiant e comente a meres de sos offizios e de sas istitutziones issoro in cara a su Guvernu piemontesu. Non bastaiat piùsu una risposta bènnida troppu a tardu a sas Chimbe Preguntas presentadas a su Re dae sos Istamentos in su ’eranu de su 1793; oramai fit su sistema feudale chi che deppiat essere bettadu a terra. ‘Procurade ’e moderare, barones, sa tiranìa …’ : gai cominzat e gai faghet sa torràda de s’innu natzionale de sos Sardos. Totu est comintzadu in custa die radiosa de rebellione e de vittoria.

Sa Sardigna de sos tempos de oe naschet in sos annos matessi de sa dimandha de Libertade, de Egualidade e de Fraternidade chi ant fattu totu sos populos de s’Europa. Comente ateros, su Populu sardu s’est déppidu difendher dae sas armadas franzesas chi lu cheriant conchistare, ma meda prima de ateros at comintzadu a si ch’illibberare da su Regimen Antigu. Sunt tres annos (1793-1796) chi frommant su zentru printzipale de sa “Revolutzione sarda”, comintzamentu e coro de unu motu chi at isterridu sos effettos suos in su tempus benidore e at puru vìvidu sas cunseguentzias prenas de amargura pro vint’annos ancora, candho sos patriotas sardos si sunt torra rebellados, ant suffridu cundennas noas, annos longos de presone, crudelidades chi no est possibile a las contare, e impiccaduras. Sa Restauratzione, comente in tota s’Europa, pro medas annos in fattu, l’at àppida bìnchida; in terra nostra est durada de pius, est istada puru pius forte e at fattu meda dannu.

In Sardigna puru, a s’abbréschida, s’edade cuntemporanea at tentu sos eroes suos e at pagadu pretziu mannu cun sos martures suos.

Ammentamos cussos fattos in sos tempos de oe, inue tenìmos istitutziones libberas e vivìmos in d’una repubbrica demogratica.

Tenimus su cunbinchimentu frimmu chi ancora oe bi at bisonzu de istitutziones chi iscant fagher rappresentantzia semper pius manna de s’identidade de sos Sardos, comente attores primos de s’istoria issoro, chi tenent una zivilitade e una limba de issos solu e sunt cumbintos meres de derettos soberanos in sa terra issoro, comente totu sos ateros populos lu sunt in sa terra issoro. Su tema da sa Libbertade, de s’Egualidade e de sa Fraternidade no est isorta una ’orta pro sempre.

Sos Sardos de oe tenent fide chi s’identidade natzionale issoro dimandhat ateros ispatzios istitutzionales, attàles chi potant permittere una risposta chi ancora menzus intrépetet in bona manera sos problemas de sos tempos nostros.

Est cumbichimentu nostru chi, a ndhe ’essìre bene dae sa pandemìa de custos meses, bi cherent benes fora de s’ordinariu, si trattet de benes materiales o de s’ispiritu (est a narrer culturales, puliticos e sotziales), e chi no abbastant sos benes economicos, po cantu netzessarios siant, de sos tempos de normalidade.

Sos sardos de dies de oe sunt sos nebodes de sa sufferentzia fattòra de sos cumbattentes de sa Prima Gherra e sunt puru sos fizos de sos chi ant fattu sa prima autonomia de sa Regione.

A sa pandemìa deppimos azzùnghere sos probblemas chi ’enint dae su passadu lontanu e dae cussu affacca a nois: dezzisiones fortes e chi non si podent ancora tirare a longu, deppent impònnere mudamentos netzessarios, e sa mannaria chi non est possibile a la contare de sos probblemas tenet bisonzu de cumandhantes puliticos, singulos o puru cullettivos, chi siant furnìdos de intelligentzia e chi iscant abbaidare a largu.

Candho sa pandemia at a finire, totu nois nos amus a depper agattare dae nou, e dae nou nos reconnòschere, in d’una Assemblea Costituente chi siat eleggìda in manera demogratica e chi representet onzi cuzzone de Sardigna. Custu istrumentu diat a poder esser utile pro renovàre sas istitutziones nostras, fraigàre un’economia chi siat addatta a sas ricchesas veras de sa terra nostra, fagher vivere semper menzus su siddhadu de limba-economia-cultura chi est seguru chi bi este e chi resistit, in cara a totu e a totucantos, in sas campagnas e in sas biddhas, comente b’est in sas zittades modernas.

Cando si tenet su bentu est precisu bentulare!

Su Comitau pro sa Die de sa Sardigna

(CAMPIDANESE)

PRO SA DIE DE SA SARDIGNA 2020

Is Sardus affestant oi sa festa insoru, sa Die de sa Sardigna. Dha festaus occannu puru, in custu tempus difficili, e dha festaus cunvintus e fintzas cun cuntentesa.

De dus mesis s’Italia e s’Insula funt ‘inserradas’. Puru nosu contaus is mortus, is mabádius non fait prus mancu a dhus contai. Ancora proibius, teneus sempri prus pentzamentu po s’incrasi

Seus bivendi sa carantena serraus in domu, is dis “de fatu” dhas passaus s’imprús sentza de “fai”, e aici parint che depant passai is dis de su connotu, sa dì de Pasca Manna (12 de abribi), sa dì de sa Liberatzioni de su nazi-fascismu (25 de abribi), sa dì de Sant’Efis (1 maiu). Ma sigheus a bolli festai sa dí de sa genti nosta (28 de abribi). Is festas funt novas bonas chi arribant a nos de su tempus passau, nosi donant cuntentesa e fortza po su tempus benidori, allébiant su traballu de dónnia dì. Chentza ‘e festa, no podeus bivi; chentza ‘e is festas suas unu pópulu no iscit nimmancu e chini est.

Su 28 de abribi de su 1794, sa genti de Castedhu iat inserrau totu is impiegaus in Sardigna de su Guvernu piemontesu po dhus fai partì torra a continenti. No fiat prus bastanti una arrispusta benia tropu a tardu a is Cincu Preguntas presentadas s’annu prima a su Re de parti de is Istamentus. Fiat totu s’assentu feudali chi tocàt a sciusciai: Procurade ’e moderare, barones, sa tirania… aici cumintzat e aici fait sa torrada de s’innu natzionali de is Sardus. Totu at cumintzau in custa dì de rebbellia.

Si podit nai ca sa Sardigna de oi nascit in is annus chi funt cussus matessi de “libertadi, egalidadi, fraternidadi” chi ant nàsciu is pópulus de s’Europa. Coment’ e áterus, su Pópulu sardu s’est dépiu difendi de s’armada de is francesus chi si ndi bolliant ponni meris. Ma meda prima de áterus at cumintzau a si ndi libberai de s’assentu antigu. Is tres annus de su 1793 a su 1796 funt su coru de sa “Sarda Rivolutzioni”, chi at bistu frutus de dolore po binti annus, candu is patriotas sardus si funt torra furriaus, ant sunfriu annus de prisoni, crudelidadis e cundennas a impiccadura. Sa “reatzioni” in Sardigna at durau prus che in su restu de s’Europa, est istétia prus forti e at fatu dannu meda.

In Sardigna puru s’obréscida de s’edadi moderna at tentu is erois suus, e at pagau su prétziu mannu de is mártiris suus. Totu custu dh’arregodaus oi, chi teneus istitutzionis líbberas e democráticas. Creeus prus che mai ca oi ancora teneus abbisóngiu de istitutzionis chi scípiant fai rapresentàntzia prus manna de is Sardus coment’e atoris primus de sa stória insoru, cun d-una civiltadi e una limba própia de issus, e meris de diritus soberanus in sa terra insoru, coment’e totu is áteras gentis. “Libertadi, egalidadi, fraternidadi” no sunt fatas una ‘orta e po sempri.

Po is Sardus de oi, s’identidadi natzionali insoru domandat áteras possibilidadis istitutzionalis po podi arrispundi mellus a is abbisóngius de custu momentu importanti de s’istória. Po ndi bessí beni de custa pandemia ci bollint arrichesas foras de s’ordináriu, materialis e ispiritualis, est a nai culturalis, políticas e socialis.

Is Sardus de oi funt nabodis de is chi ant sunfriu torrendi nou s’assentu apustis de sa primu gherra mondiali, e funt fillus de is chi ant fatu sa prima autonomia regionali. Po custu teneus ispera e siguresa chi ant a agatai su modu de ndi bessí torra impari de unu tempus aici difficili.

Candu su tempus de sa pandemia at a permitti de torrai a una vida prus normali, si bolleus fai cresci torra s’economia cun is arricchesas chi funt de sa terra nosta, si bolleus appretziai comenti si depit totu s’eredadi de limba e de cultura chi ancora resistit, fendi faci a dónnia cosa contrària, in biddhas e citadis, iat a essi s’ora de podi arrennoai is istituzionis de rappresentàntzia civili e politica, agatendisì totu is fortzas democraticas in cussa assemblea costituenti nomenada de totus e no de immoi. Ma immoi iat at a essi s’ora. Dhu cherit sa festa de is Sardus, dhu narat su tempus arribendi de incumentzai torra. Poita, Cando si tenet su bentu est precisu a bentulare.

Su Comitau pro ‘sa Die de sa Sardigna